• +39 339 8772770
  • info@massimolucidi.it

Category ArchiveAttivita’ ed Eventi

A Napoli si rinnova il successo del network degli innovatori, con centocinquanta imprese, centri di ricerca e start up

Un grande successo la tre giorni dedicata all’innovazione d’impresa andata in onda con la fiera denominata Innovation Village alla Mostra d’Oltremare di Napoli, che, quest’anno, ha visto anche una composita presenza di imprese e startup nazionali. Grazie all’accordo con l’Università degli Studi di Napoli Federico II, infatti, l’evento ha preso una caratura nazionale, ospitando anche relatori direttamente da Milano, tra i quali Sebastiano Grazioli e Maurizio Stefanini, accompagnati dal Presidente di NETCOA, Net Company Associated, il sindacato datoriale delle imprese presieduto, appunto, da Massimo Lucidi.

Nel suo intervento Sebastiano Grazioli, fondatore di IndustriaFuturo4.0, che dell’Economia 4.0, ovvero dell’ innovazione delle imprese, ha fatto una propria mission, ha spiegato al folto pubblico l’importanza della mission del “cartello di innovatori” da lui fondato, IndustriaFuturo4.0 appunto, ma anche dei servizi che esso offre alle aziende. Dai convegni col mondo bancario alle consulenze alle aziende, «il nostro obiettivo – afferma Grazioli – è quello di traghettare le aziende non ancora in linea con i vantaggi che offre industria 4.0 ad entrare in una nuova dimensione, quella del futuro e  infondere in loro questa cultura del cambiamento». Una cultura, al giorno d’oggi, sempre più necessaria, in quanto «non è il pesce più grande che mangia quello più piccolo, – prosegue Grazioli – ma è il pesce più veloce che sopravvive a quello più lento».
Un’affermazione più vera di questa, oggi, non era possibile farla, e se fosse ancora con noi il “Poeta Vate”, avremmo anche il suo appoggio. Essere SMART, infatti, significa anche essere veloci nella realizzazione della propria idea, del proprio progetto, perché «ciò che oggi è innovativo – conclude Grazioli – domani non lo sarà più».
IndustriaFuturo4.0, dunque, attraverso l’innovazione vuole generare liquidità alle imprese attraverso i servizi di cost killing (ottimizzazione dei costi generali e di produzione), energy saving (efficientemento energetico) e  Tax Credit ( Vantaggi fiscali di ricerca e sviluppo) contribuendo a migliorare la competitività del paese, in favore delle aziende.Altra novità di Industriafuturo è il nuovo accordo con il nuovo Partner Innexto Sicav Sif .

Maurizio Stefanini, Amministratore Delegato della sopracitata Innexto Sicav Sif, ha raccontato le grandi potenzialità e l’importanza dei Piani Individuali di Risparmio (PIR, ndr), strumento che permette ai piccoli risparmiatori di investire nelle Piccole e Medie imprese con agevolazioni fiscali e rendimenti stabili.
Oltre ai PIR, Stefanini ha presentato le SICAV, Società di Investimento a Capitale Variabile, e i SIF, Specialised Investment Fund. Mentre le SICAV sono società per azioni a capitale variabile che investono esclusivamente in strumenti finanziari, i SIF possono investire anche su una pluralità di beni materiali e immateriali, in via esclusiva o mista e in forma pubblica o riservata, risultando più flessibili. «PIR, SICAV e SIF sono, ad oggi, tra le realtà che più possono aiutare l’economia reale italiana, – afferma Stefanini – perché permettono alle startup e alle imprese volte all’innovazione di ricevere il supporto economico di cui hanno bisogno». È necessario, dunque, portare a conoscenza di questi strumenti «tutti i comparti industriali e sensibilizzare al tema gli investitori – conclude Stefanini – comprese le famiglie e i piccoli risparmiatori. Un a cui Innexto si dedicano da tempo con ottimi risultati».

Alla fiera di Napoli non è mancato l’appoggio da sponsor dell’associazione datoriale NETCOA, la Net Company Associated, il quale Presidente Massimo Lucidi, che pure ha accompagnato i relatori Milanesi, ha fatto un plauso ad un’iniziativa come questa «che, grazie alla presenza del mondo Universitario rappresentato dal Professor Pierluigi Rippa – ha affermato Lucidi – è risultato un evento con contenuti validi».
Lucidi, da sempre impegnato nella valorizzazione delle meglio imprese italiane, nonché interessato alla loro digitalizzazione, è pure intervenuto al convegno dialogando con lo stesso Professor Rippa dello spazio Milanese che ogni anno presenta alle imprese opportunità per fare innovazione, ma anche del Premio Eccellenza Italiana, del quale Lucidi è ideatore, nonché segretario generale. Nel corso del suo intervento ha ringraziato «i tanti amici che hanno potuto accettare l’invito, e che sono intervenuti», ha affermato Lucidi, concludendo, poi, ringraziando anche il Professor Rippa, al quale ha riconosciuto il «merito di essersi allo stesso tempo messo in ascolto dei nostri amici e partner di grande qualità che raccogliamo a Milano con Innovation Day, rendendo così l’incontro a Napoli davvero di valenza nazionale».

(VIDEO) INTERVISTA AL PERSONAL TRAINER DANIELE ESPOSITO

Ecco il video ed il testo integrale dell’intervista a Daniele Esposito Personal Trainer italiano specializzato in dimagrimento che ho incontrato in Germania in occasione del Fibo 2018. Un professionista internazionale autore del manuale “5 Segreti per Dimagrire e Restare Magri”, un libro scritto sia in lingua italiana che in inglese che è stato molto apprezzato al Fibo da star del settore provenienti da tutto il mondo. Leggete l’intervista ma soprattutto guardate il video per conoscere meglio questo vulcanico ragazzo di successo che vedremo spesso partecipare ad eventi internazionali.

Buongiorno amici, siamo a Colonia, in occasione di FIBO e ci siamo per Daniele Esposito.Guardate questo libro. Cosa notate? Il Metodo di Daniele Esposito è tradotto in inglese, perché Daniele sta arrivando a Colonia direttamente dagli Stati Uniti.Questo libro è l’argomento che tratteremo con Daniele. Dimagrire si può ma soprattutto ne abbiamo bisogno.Questo è il libro del cambiamento, tra l’altro in inglese.

ML: Sei appena tornato dagli Stati Uniti, mi pare da San Francisco?

DE: Si, San Francisco e Los Angeles.

ML: Ecco, tra l’altro ho visto una bellissima intervista fatta in un albergo.

DE: Si, a Los Angeles con una persona di una rete privata del posto, e a San Francisco, con una ragazza alla quale ho presentato il libro, ed è andata bene. Sono contento.

ML: Ecco, e oggi è a Colonia per FIBO. Allora la prima domanda che ti faccio è la seguente. Cosa ti aspetti da FIBO? Mi pare che sia la tua prima volta.

DE: FIBO è una fiera mondiale. Ci sono un bel po’ di Presenter del mondo e che spesso tutti i seguaci del Fitness incontrano su Instagram, quindi spero anche io di incontrare qualcuno, e mi aspetto un po’ l’evoluzione, anche se, venendo dagli Stati Uniti, venendo dalla California, che è la patria del Fitness, lo dicevo anche nell’intervista fatta a Los Angeles, venire in Germania…spero di fare un passo avanti.

ML: Io spero che mi fanno entrare, perché essendo una fiera per gli addetti ai lavori, guardate qua come mi sono vestito, si vede che vado molto in palestra?

DE: Tra qualche mese avrai un altro corpo.

ML: Allora facciamo una cosa. “Io speriamo che me la cavo”. Cos’ho capito del libro, professore: sono molto importanti gli spuntini. E, come si fanno questi spuntini, verso le 10, le 11 e verso le 16, 17, questi più o meno sono gli orari, si devono fare, e quindi secondo punto, le mandorle, perché le mandorle contengono qualcosa che tra poco ci spiega. Terza cosa, non basta mangiare bene, e quindi vuol dire mangiare più volte durante la giornata, prendere queste mandorle, no, ma occorre anche allenarsi, e qui dai una speranza, perché se ho capito bene, anziché parlare di allenamento, tu preferisci la parola movimento.

DE: Si, si, perfetto, mi collego proprio a questo. Siccome cerco di aiutare le persone che sono lontanissime dalla palestra e lontanissime dall’allenamento, il sinonimo che utilizzo è movimento, perché per me le persone si devono muovere. Si devono muovere per sentirsi meglio, e per fare in modo che il corpo possa avere un cambiamento tramite un percorso alimentare, tramite i consigli che do.

Si, mi dicevi prima, che hai studiato a quanto vedo, e le mandorle, di questi grassi insaturi dovrebbero essere il sostituto degli zuccheri cattivi. Quindi vanno inseriti tipo alle 11 del mattino e alle 17 per fare in modo che il tuo corpo possa, durante la giornata, mangiare spesso, e mangiare questi grassi che ti aiutano a smaltire i grassi di deposito. “Sono ricchi di antiossidanti, di minerali, che spesso non si trovano in altri alimenti e ti danno anche un bel po’ di energia”.

ML: Ecco oggi noi affrontiamo, prima di andare al FIBO, anche un secondo libro, che è stato tra l’altro un best seller, ha avuto un grandissimo successo sulla rete, ed è il libro “mio”, ci tengo a precisare. Non l’ha portato lui, è il mio, perché si chiama “Programma DETOX”, e io credo che prima di iniziare, giusto?

DE: Si, è una semplice guida, che ti spiega quali sono i cibi che possono iniziare a depurare il tuo corpo, e dei consigli da poter gestire in 5 giorni e ti posso dire che a Natale questa guida è stata regalata online, scaricandola, circa 2000 persone l’hanno scaricata. Ho ricevuto tanti complimenti e ringraziamenti, perché le persone si sentivano appesantite, hanno perso 2-3 kg nella settimana.

ML: No, perché io invece non l’ho fatta, l’ho soltanto scaricata, eccola qua, l’ho soltanto iniziata.

DE: La possiamo iniziare lunedì.

ML: Dopo Pasqua, esatto bravo, devo dire la verità ho incominciato a dire “no, aspetta un attimo, c’è ancora speranza”, per cui ho accettato di buon grado l’invito a venire a passeggio a Colonia, tra l’altro questa passeggiata l’ho iniziata ieri anche per incontrare una serie di rappresentanti istituzionali, e devo dire che la città veste lo sport. Quanto poi, invece, lo sport debba entrare nella pratica reale di tutta la popolazione, questo dobbiamo, purtroppo, soprattutto dalle nostre parti, ancora fare un bel cammino, perché qui ci sono gli spazi pubblici che lo consentono. Giù da noi la situazione è un po’ più complessa. Allora ecco perché mi piacciono personaggi del genere, perché sono delle persone che vengono da territori dove il cambiamento lo realizzano con il loro impegno, quindi complimenti Daniele per quello che fai.

DE: Mi piace questa cosa che hai detto, che spesso è difficile nelle nostre zone potersi allenare ed accedere a spazi pubblici, che invece in Germania, e nel mondo, in Brasile, in America ci sono. Io infatti sto proiettando il mio progetto sull’Home Fitness, quindi sull’allenamento da poter fare a casa, senza attrezzatura, tornando al discorso del movimento.

ML: Tra l’altro mi pare di ricordare che tu oltre a un paio di palestre hai anche una struttura proprio per l’allenamento personalizzato.

DE: Si, ho un Centro Personal specializzato sul dimagrimento, quindi proiettato a quelle persone che sono in sovrappeso e che non riescono ad allenarsi da sole o vogliono la giusta motivazione, anche perché Massimo, tutto sta nella motivazione, tutto sta in cosa tu Personal induci nella persona, a raggiungere il risultato, ma anche sotto forma di riscontro emotivo che spesso le persone hanno. Ci sono persone che mi seguono da più di un decennio, e ancora oggi vengono a consulenza per creare nuovi programmi, perché hanno bisogno di quello stimolo, anche annuale, anche semestrale, per avere un obiettivo e una guida che li possa stare dietro.

ML: Bene, allora facciamo anche una battuta finale, che Il Metodo ce lo portiamo sicuramente anche sul Lago di Garda, dove mi sono venute in mente delle strutture che potrebbero essere in linea con la bandiera che tu stai oramai mettendo un po’ in tutto il mondo. Quindi, complimenti Daniele.

DE: Grazie Massimo, grazie.

ML: Ci rivediamo con Il Metodo di Daniele Esposito, o meglio con questi due libri, veramente utili, prima per me ci andiamo a detossificare e poi veramente per perdere peso e cambiare lo stile di vita. Grazie.

DE: Grazie Massimo.

Dalla Reggia di Caserta a Milano, continua il “tour” nel Bel Paese dell’artista concettuale Americano

Dopo il successo strepitoso registrato all’esposizione nella Reggia Di Caserta, Kyle Thompson torna ad entusiasmare il suo pubblico negli spazi milanesi di aA29 Project Room, in collaborazione con International Broker Art

Il Presidente di IBA, Danilo Gigante ha invitato la Milano che conta, quella fatta di collezionisti, ma non solo, per presentare loro il nuovo fenomeno contemporaneo che ha saputo emozionare il pubblico della Reggia di Caserta, l’artista concettuale Kyle Thompson.

Dunque, negli spazi di aA29 Project Room Milano, dalle 18:30 di martedì 10 aprile, giorno in cui Gigante coaudiverà il vernissage di questa mostra a Piazza Caiazzo 3, fino al 18 maggio si potrà favorire della presenza di questa nuova frontiera dell’arte, dettata dalla fotografia concettuale di Thompson.

Thompson, infatti, ha portato in Italia un’arte differente rispetto a quella cui siamo abituati.
Fatta di paesaggi enigmatici racchiusi nei suoi stessi scatti fotografici delle zone degradate di Portland, Thompson ha lo scopo di illustrare il rapporto tra l’ambiente umano e la natura, dove l’umano non è più presente.

Non solo zone degradate ed abbandonate, Thompson ha cercato anche angoli di natura ancora non sottomessi al dominio umano, risparmiati, dunque, dall’urbanizzazione e dall’inquinamento, per ricreare un rapporto tra naturale e artificiale ben chiaro nella sua opera principale, “greenhouse”, consistente in una scatola da lui stesso costruita, all’interno della quale ha inserito alcune piante per poi entrarvici, ben dimostrando, così, il già rapporto tra natura e uomo.

Un artista, dunque, che ha saputo registrate un successo con un’arte nuova che non poteva certo passare inosservata agli occhi di chi, come Danilo Gigante, opera da esperto nel settore dell’arte contemporanea.

Anche quest’anno l’Isola partenopea è pronta ad accogliere i numerosi ospiti attesi al Capri Pharma Campus, e Lucidi sbarca col digital a Capri

Il più grande evento scientifico che, in questo 2018, sia stato messo in moto sull’isola di Capri, partirà domani e vedrà la trasformazione dell’isola in una cittadella scientifica “en plein air” dove si discuterà delle nuove frontiere del settore farmaceutico. Lo si farà grazie ai molto ospiti che vi parteciperanno. Si contano già, infatti, più di trecento medici, tra dottori in farmacia, farmacisti ospedialieri, allergologi, odontoiatri e specialisti di vario genere, che hanno scelto il Campus caprese per confrontarsi sulle nuove tematiche nei diversi campi specialistici di settore.

Il Capri Pharma Campus, dunque, è l’evento che, giunto alla sua settima edizione, oramai rappresenta un punto di riferimento per chi svolge le professioni sanitarie. Quest’anno, grazie al tema trattato, le nuove frontiere del settore farmacologico, appunto, è patrocinato dall’ordine dei farmacisti di Napoli.
Sull’isola, dunque, sono attesi i migliori del settore che, negli spazi storici del Grand Hotel Quisisana, dibatteranno su molteplici temi, tra i quali anche l’impiego dei robot in farmacia.

Sulle giornate che questo week end affolleranno l’isola, è intervenuto anche il giornalista economico Massimo Lucidi il quale ha dichiarato «piena soddisfazione e tanto entusiasmo per un evento di questo calibro». Impegnato ogni giorno nel racconto del meglio dell’imprenditoria italiana, e interessato alla digitalizzazione delle stesse, Lucidi afferma che «è necessario che anche uno dei settori più antichi e tradizionalisti che ci sia, si apra al mondo del digital per cogliere le opportunità che esso offre».
Dunque, quando in molti settori lavorativi si è già avviata la rivoluzione digitale, conclude Lucidi, «non si può pensare di non portare tale cambiamento anche in un settore come quello farmacologico, altrimenti si rischia di rompere quel legame importante tra farmacista e paziente».

Al via la tre giorni della III edizione di “Innovation Village”

A Napoli ritorna il network degli innovatori, con centocinquanta imprese, centri di ricerca e startup

 Alla mostra d’oltremare di Napoli è partita oggi la tre giorni interamente dedicata all’innovazione.

Innovation Village, infatti, è la fiera che, grazie al supporto di Regione Campania, ogni anno si tiene a Napoli per trattare i temi legati al mondo 4.0, quali l’innovazione e le nuove tecnologie.

 

Per questa III edizione, Innovation Village ha stretto un’importante accordo con l’Università degli Studi di Napoli Federico II, rendendo così l’evento di valenza nazionale, grazie, soprattutto, alla presenza del Professor Pierluigi Rippa, il quale «ha saputo costruire un evento su contenuti validi», come ha dichiarato il giornalista economico internazionale Massimo Lucidi.

 

Nell’ultima giornata dedicata all’innovazione, interverrà pure lo stesso Lucidi, da sempre impegnato nella valorizzazione delle meglio imprese italiane, nonché interessato alla loro digitalizzazione, il quale dialogherà con lo stesso Rippa parlando di Innovation Day, lo spazio Milanese che ogni anno presenta alle imprese opportunità per fare innovazione, ma anche del Premio Eccellenza Italiana, del quale è ideatore, nonché segretario generale.

 

«Mi limito a ringraziare – afferma Lucidi – i tanti amici che hanno potuto accettare l’invito, e i tanti che interverrano», concludendo, poi, ringraziando anche il Professor Rippa, al quale ha riconosciuto il «merito di essersi allo stesso tempo messo in ascolto dei nostri amici e partner di grande qualità che raccogliamo a Milano con Innovation Day, rendendo così l’incontro a Napoli di valenza nazionale».

DANIELE ESPOSITO PERSONAL TRAINER: DA BOLOGNA A COLONIA, ATTRAVERSO LA CALIFORNIA

Il personal trainer specializzato in dimagrimento, leader in Italia ed autore di testi sull’alimentazione e sull’allenamento, vola negli States per presentate la sua ultima uscita

Il personal trainer Daniele Esposito, sempre all’avanguardia con i suoi continui viaggi di studio negli Stati Uniti e con la sua presenza assidua alla formazione, è stato premiato alla fiera di Bologna grazie al suo progetto di fitness inspirato al futuro, risultato il migliore.

Ad aprile parteciperà pure alla fiera sul fitness di Colonia, denominata FIBO, invitato dal giornalista economico Massimo Lucidi per la singolare conversazione su salute e benessere, che si terrà in città e “a passeggio” tra gli stand della fiera stessa.

Prima di atterrare a Colonia, però, Esposito sarà ospite a Los Angeles e a San Francisco dove, rispettivamente al “Kimpton” e al “Fisherman’s Wharf”, presenterà il suo libro.

Già bestseller in Italia, e tradotto in inglese e in spagnolo, “Five secrets to lose weight and stay thin” è il libro che mancava.

Un vero libro, scritto da un vero professionista del settore Fitness focalizzato sul dimagrimento, che si è posto l’obiettivo di trattare la corretta pratica sportiva e la sana alimentazione, proponendosi di migliorare la salute e il benessere, quindi la vita, di chi spesso si trova appesantito, spossato e limitato, dai chili di troppo.

IL GIORNALISTA MASSIMO LUCIDI PORTA A COLONIA LE ECCELLENZE DEL BELLESSERE

Massimo Lucidi sceglie FIBO per presentare in anteprima le eccellenze del fitness e della salute

Massimo Lucidi, giornalista economico internazionale, nonché ideatore di numerosi format di eventi in Italia ed all’estero, come “Bellessere, educare all’alimentazione, educare allo sport”, ha scelto il grande appuntamento della fiera del fitness dal 12 aprile p.v. per portare a Colonia due personaggi leader del settore in Italia, ma non solo.
Daniele Esposito, fitness trainer ed autore di libri sull’alimentazione e sulla salute, e il dottor Fabrizio Buffa, esperto della psicomotricità, realizzando pure un corso dedicato al termalismo. Tutti puntano al “Bellessere”

Nato dieci anni fa su iniziativa di Massimo Lucidi, il format #bellessere ha visto il coinvolgimento dei principali volti televisivi e di Professori Universitari del calibro di Luca Piretta, Paolo Manzelli e Giorgio Calabrese, tra gli altri, i quali hanno partecipato alle singolari conversazioni ideate dal giornalista Lucidi che, attraverso Bellessere, ha reso possibile avvicinare i volti dei salotti televisivi agli uomini delle “trincee” delle palestre, i luoghi dove spesso si incontrano degli enormi problemi sociali, quali l’obesità infantile.
Troppo spesso, infatti, le nostre mamme non sono sufficientemente formate ed informate sulla corretta educazione alimentare da impartire ai propri figli, e nemmeno sulle corrette pratiche sportive. In aggiunta a ciò, il proliferare di santoni e guru del benessere improvvisati in palestre e centri sportivi non certificati, che tutto fanno tranne che aiutare realmente il paziente.

Davide Esposito, uno dei due protagonisti della singolare conversazione sul Bellessere, rappresenta una personalità giovane ma estremamente formata che, con i suoi continui viaggi di studio negli Stati Uniti e con la sua presenza assidua alla formazione sia come allievo che come docente è quindi «il partner giusto – afferma Massimo Lucidi- per fare una “passeggiata” piena di energie e di idee che realizzeremo tra gli stand di FIBO».

Non solo fitness trainer, Lucidi ha invitato pure Fabrizio Buffa il quale, oltre alla competenza professionale, ha messo il proprio cuore e la propria passione nel suo lavoro, raggiungendo dei risultati straordinari a favore del recupero della psicomotricità specie negli anziani e nei disabili, con un centro di eccellenza ad Abano dove mensilmente tiene seminari. «Il progetto che vogliamo attenzionare e portare con noi “a passeggio” a Colonia – conclude Lucidi – è la “Psicomotricità funzionale in acqua termale” dato anche l’elevato grado di apprezzamento che i tedeschi in generale hanno per il mercato turistico termale in Italia».

Continua l’esperienza di Danilo Gigante al Montecarlo Film Festival

Per il quinto anno consecutivo, il presidente di International Broker Art ha consegnato un premio ai grandi dello spettacolo

 

Come da molti anni a questa parte, anche in questo 2018 si è svolto, dal 26 febbraio al 3 marzo, il consueto Monte Carlo Film Festival che, giunto oramai alla sua quindicesima edizione, anche quest’anno ha rinnovato la partnership con Danilo Gigante, il quale ha partecipato con la sua società, International Broker Art.

Non solo nel mondo dell’arte, dunque. Danilo Gigante non si è chiuso in quella nicchia artistico-pittorica che l’arte in senso stretto rappresenta, ma ha deciso di aprirsi e spaziare in tutti i campi che l’arte può offrire. Sono, oramai, già cinque anni, infatti, che partecipa al Festival, grazie al Premio Arte e Cinema Monte Carlo Film Festival da lui ideato.

È così che sabato scorso (3 marzo, ndr), durante la cerimonia di premiazione presso il Grimaldi Forum, Danilo Gigante ha fatto pervenire, per mezzo del conduttore del Festival, Ezio Greggio, il premio all’attrice Nancy Brilli. Intitolato “A qualcuno piace caldo”, il premio di Gigante è un’opera con poesia di Alda Merini.
«Sono cinque anni che Danilo viene e premia un personaggio» puntualizza Ezio Greggio. E scherzando aggiunge «Secondo me scegliendo quelle che più gli piacciono».

Non solo Nancy Brilli. Danilo Gigante si è premurato di consegnare personalmente, sempre accompagnato da Ezio Greggio, un dono anche a Maria Grazia Cucinotta. Un quadro, intitolato “Marilyn Chanel 5”, l’opera di Mimmo Rotella, artista molto legato al mondo del cinema, raffigurante Marilyn Monroe.

Un Festival del cinema, dunque, dove l’arte non ha mancato. Ci auguriamo che il percorso intrapreso da International Broker Art e Monte Carlo Film Festival sia portato avanti per non veder sopperire l’uno all’altro, ma per continuare a godere dell’arte senza tralasciare il cinema

Il Corporate Collection italiano

Danilo Gigante impegnato anche nella valorizzazione delle collezioni artistiche aziendali
In differita di dieci anni, il fenomeno del corporate collection è finalmente arrivato anche in Italia, permettendo a chi ogni giorno è impegnato nella valorizzazione artistica, non solo dell’opera d’arte ma anche dell’autore, di mettere a disposizione degli utenti questo patrimonio artistico aziendale.

Danilo Gigante, l’esperto di arte e finanza, autore del progetto International Broker Art, impegnato nella valorizzazione dell’arte, solito partecipare a fiere artistiche sparse per il mondo, conosce bene questo fenomeno così, non appena giunto anche in Italia, lo ha ben intercettato questo coinvolgendo aziende in grado di offrire l’eccellenza dell’arte.

Secondo una ricerca svolta da Axa Art, è emerso che il 37% delle corporate collection è da imputarsi al settore bancario, di cui per il 29% legato ad una fondazione, e per il restante 8% agli istituti di credito.
Mosso da questi dati, Danilo Gigante ha colto al volo l’opportunità che il corporate collection riserva agli operatori artistici.

È, infatti, con Fideuram, la private banking milanese, che Gigante, con il suo progetto IBA, ha avviato una collaborazione per l’esposizione, nella stessa banca, delle opere in suo possesso, con protagonista il famoso Paolo de Cuarto, l’artista calabrese contemporaneo, dal grande successo internazionale, nonché autore di alcuni marchi di famosi drink.

Un’esposizione, questa, che ha registrato un buon successo, essendo una delle prime esposizioni aziendali per IBA. Non resta, dunque, che auspicare una replica di eventi come questi, per una sempre maggiore valorizzazione dell’arte non solo pubblica o privata, ma anche di collezioni in possesso di aziende, le corporate collection, appunto.

Danilo Gigante si conferma un player dell’arte internazionale

Da gennaio a dicembre molti gli impegni tra il vecchio continente e quello transatlantico, impegnati a favorire l’arte

Sono sempre più numerosi i programmi di Danilo Gigante nel panorama artistico internazionale. Uno dei primi appuntamenti dove, appunto,Danilo Gigante con il suo originale sodalizio, IBA, volto a conferire particolare attenzione alla valorizzazione dei talenti artistici supportando mostre e fiere, sarà presente è la Feira Dibujo Contemporaneo, la famosa fiera del disegno internazionale che si tiene ogni anni a Madrid. Quest’anno IBA sosterrà le artiste di aA29 Project Room, suo partner nella rete d’impresa artistica da lui stesso creata, selezionate per la famosa fiera.

Non solo Madrid, ma anche fiere oltreoceano, come quella che si terrà a fine anno (dal 6 al 9 dicembre 2018, ndr) al Miami Beach Convention Center, dove gallerie ed artisti da tutto il mondo potranno esporre i propri lavori di arte moderna e contemporanea.

IBA sempre più “international”, dunque, confermando quanto dice lo stesso nome del progetto, che vedrà un anno impegnativo all’insegna dell’arte moderna e contemporanea.