• +39 339 8772770
  • info@massimolucidi.it

Fondazione Romualdo Del Bianco

Fondazione Romualdo Del Bianco

La Fondazione Romualdo Del Bianco è nata negli anni ’90 all’indomani della cadu-ta del Muro di Berlino dall’intuizione di Paolo Del Bianco, allora imprenditore al-berghiero, circa la necessità di favorire la conoscenza tra loro stessi dei Paesi dell’Europa centrale e orientale tramite il contatto con l’Occidente e l’attrazione che esso esercita. Da allora la Fondazione ha promosso a Firenze incontri fra giovani di quei Paesi per un totale di oltre 150.000 giornate.

Sotto la attuale direzione delle tre sorelle Carlotta, Caterina e Corinna del Bianco, coa-diuvate dal Presidente Emerito Paolo Del Bianco, nella rete della fondazione sono pre-senti oltre 500 istituzioni di 111 Paesi dei cinque continenti che costituiscono la sua rete internazionale. Nel cda, anche Mounir Bouchenaki, archeologo di fama internazionale, Consigliere Speciale del Direttore Generale dell’UNESCO, da poco nominato Special Advisor della Fondazione Romualdo Del Bianco.

La Fondazione promuove l’esercizio del rispetto per la diversità delle espressioni culturali, contribuendo a sviluppare rapporti di amicizia tra i Popoli attraverso l’organizzazione di incontri internazionali preferibilmente in luoghi culturali o siti patrimonio culturale, promuovendo e realizzando iniziative, ricerche, pubblica-zioni, premi e borse di studio all’insegna de “Il Patrimonio per il Dialogo tra Cul-ture”.

La Fondazione, inoltre, si è fatta promotrice della nascita del Movimento Life Beyond Tourism Travel to Dialogue, coinvolgendo la propria rete internazionale di partenariati ad impegnarsi nella interpretazione, comunicazione e promozione dei territori del mondo. Così facendo, i siti culturali diventano centri di consape-volezza e formazione all’incontro, al rispetto, al dialogo tra le comunità locali e i viaggiatori.

Ne consegue il rovesciamento della concezione del turismo (soprattutto quello di massa) da “minaccia” per il Patrimonio – se inteso solo come servizi e consumi – a opportunità strategica di dialogo tra civiltà, di scambio di esperienze e di best practices, per giungere a sostituire il concetto stesso di ‘turismo’ con quello di ‘viaggio per la conoscenza dei valori’.

La sede operativa della Fondazione Romualdo Del Bianco e del Movimento Life Beyond Tourism è Palazzo Coppini – Centro Studi e Incontri Internazionali, tra gli edifici fiorentini di particolare interesse, situato nel pieno centro storico, a pochi metri dalla Stazione e dal Duomo, nell’antica via del Giglio, che metteva in comunicazione due importanti realtà religiose della città come la basilica di San Lorenzo e il convento domenicano di Santa Maria delle Vigne (poi Santa Maria No-vella). La strada seguiva un tratto del tracciato delle mura cittadine realizzato dalla Repubblica Fiorentina tra il 1173 ed il 1176.

Nell’insieme dei suoi elementi strutturali e di arredo, è possibile individuare alcu-ni periodi fondamentali della città racchiusa dal tracciato delle mura arnolfiane. In esso, testimonianze dell’originario fabbricato medievale, individuabile nel troncone di una di quelle torri cittadine «scapezzate» nel 1250 per un decreto del governo del Primo Popolo, e quindi inglobate in residenze signorili, fino all’am-pliamento planimetrico e strutturale risalente ad epoca cinquecentesca, con la bellissima scala elicoidale in pietra e un’elegante fontana collocata in una nicchia e sovrastata da un mascherone tipico del grottesco manierista, per terminare con i rifacimenti in stile neogotico e neorinascimentale eseguiti tra la fine dell’Ottocento e il primo Novecento.

La struttura, che è anche museo aperto al pubblico, ospita numerose testimo-nianze culturali: libri, per oltre 8.000 volumi scritti in 10 alfabeti e molteplici lin-gue, e migliaia di manufatti, donati dai numerosi partner della Fondazione in tut-to il mondo, da oltre 83 paesi. Tra le opere esposte, quelle del rinomato artista Dino De Ranieri di Pietrasanta, al quale la Fondazione ha commissionato negli ultimi 15 anni 24 statue rappresentanti personalità varie, da Leonardo Da Vin-ci a Galileo Galilei, da Michelangelo a Dante, poste nei luoghi strategici del mondo, dalla Polonia all’Armenia, dal Giappone agli USA, al Bahrain, tra cui l’ultima, dedicata a Cesare Beccaria, donata al Consiglio d’Europa lo scorso apri-le per celebrare il Semestre di Presidenza italiana del Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa.

Palazzo Coppini, intessuto con la trama della storia urbana di Firenze è sede di congressi e numerosi eventi di caratura internazionale. Completamente ri-strutturato – da settembre 2022 anche nelle attrezzature tecnologiche – è dotato di sette sale per riunioni e convegni, oltre a spazi espositivi e di ac-coglienza che possono ospitare fino a 150 persone. I prossimi appuntamenti saranno a settembre, prima con Polimi nell’ambito del progetto ERASMUS+ per la gestione dello spazio pubblico nel periodo post pandemico con riferimento ai centri storici UNESCO, e poi con ICOMOS CIF 2022 del Consiglio internazionale per i monumenti e i siti, organizzazione internazionale non governativa che ha principalmente lo scopo di promuovere la teoria, la metodologia e le tecnologie applicate alla conservazione, alla protezione e alla valorizzazione dei monumenti e dei siti di interesse culturale. Si riuniranno quindi in Palazzo Coppi-ni professionisti di grande esperienza, studenti e esperti, tra incontri di approfon-dimento e riflessione, tavole rotonde, e momenti conviviali.

La continua ricerca di Fondazione Romualdo Del Bianco e del Movimento Life Be-yond Tourism, inoltre, di ridurre la propria impronta sul pianeta l’ha posta fin da subito fra quelle realtà che hanno investito nella dematerializzazione, nel ridurre l’impatto energetico e soprattutto nel cavalcare l’onda della promozione, comu-nicazione e valorizzazione dei luoghi a partire dai momenti preliminari del viag-gio, ponendo così le basi per il programma Luoghi Parlanti® di cui Palazzo Cop-pini è il primo ad essere stato attivato lo scorso novembre.

Il progetto è un nuovo modo di esplorare il territorio, a metà strada tra inno-vazione e passaparola.

Il viaggio in ottica Life Beyond TourismⓇ fornisce un impianto di riflessione e una serie di strumenti atti a raccontare il territorio, a aumentare la consapevolezza del valore negli abitanti, a intercettare viaggiatori interessati a conoscere l’identità del luogo e a conoscere gli strumenti pratici attraverso i quali possiamo valorizzare la memoria del nostro Patrimonio e renderlo fruibile grazie a un ap-proccio che unisce la conoscenza ai nuovi mezzi tecnologici.
Il programma dei Luoghi ParlantiⓇ nasce come strumento di narrazione innovati-va dei territori per implementare la loro attrattività e l’accoglienza dei visitatori. Stimola la scoperta della destinazione prescelta attraverso il racconto fatto da coloro che la vivono e ne conoscono le particolarità. Luoghi Parlanti® è un dispo-sitivo narrativo che racconta un territorio in maniera semplice e innovativa attra-verso le voci di chi lo abita. Utilizza immagini, parole, video e testimonianze in-digene, per creare una connessione empatica con le comunità locali, per ispirare una modalità di viaggio rispettosa e sostenibile, alla scoperta di esperienze uni-che e destinazioni pressoché sconosciute ai circuiti tradizionali.

Già attivo su rete nazionale con oltre 20 territori, da Trieste a Firenze, da Fiumi-cino a Napoli, ai 9 comuni del Mugello e alle Terre Canavesane, e appena appro-dato su scena internazionale in Repubblica Ceca con i 13 distretti e Pra-ga, raccolto anche nel volume-guida dedicato dal titolo “Luoghi Parlanti – Viag-giare per conoscere il mondo”, in collaborazione con Touring Club Italiano, fa sì che modernità e tecnologia digitale si facciano veicolo di conoscenza e esplora-zione dei tesori del passato e di un patrimonio storico-culturale da riscoprire nella sua interezza. Con la possibilità di interagire e condividere foto, suggerimenti, esperienze, il proprio posto del cuore, e di caricarli sulla apposita piattaforma di-gitale, visibile su www.luoghiparlanti.com.

A breve, in collaborazione con gli Amici dei Musei e dei Monumenti Fiorentini e il suo Comitato per il decoro ed il restauro dei Tabernacoli, l’inserimento di circa 150 punti nella rete di Luoghi ParlantiⓇ, che saranno presentati ufficialmente nella prossima edizione del festival organizzato dalla fondazione, “The World in Florence – II Festival internazionale delle diversità delle espressioni culturali del mondo” che si svolgerà a Firenze dal 16 al 18 novembre 2022. Parallelamente, gira per il mondo la mostra Florence in The World, presente a importanti eventi del settore travel.

Ufficio stampa
Chiarello Puliti & Partners
Sara Chiarello +39 329 9864843; Francesca Puliti; info@chiarellopulitipartners.com

Massimo Lucidi