• +39 339 8772770
  • info@massimolucidi.it

Archivio dei tag bologna

# industriafuturo4.0 @ Bologna, Italia di Massimo Lucidi. VIDEO

Un manifesto, un’associazione, un centro studi, una rete di impresa, un cross selling di eccellenze.
Nato da un evento che nel titolo riassume tutto: industriafuturo4.0
Merito dei suo ideatori , e della squadra che attorno a questa parola evocativa e piena di speranza si sta formando. Futuro.

Ai nastri di partenza, a Bologna, l’esperienza di Industria Futuro 4.0, su invito di un manager carismatico del calibro di Sebastiano Grazioli, è già vincente. Si dà concretezza all’espressione industriafuturo4.0 e si evoca un futuro di benessere e di efficienza, rapportandosi a modelli di business compiuti. Il collante, che ha visto una folta partecipazione di aziende di qualità già alla sua prima uscita, è la voglia di raccontarsi oltre gli slogan. È il momento della laboriosità che si fa concretezza, della trasparenza e della condivisione, dell’efficienza e del rispetto formale che si fa etico e profondo. È tempo di uscire dalla crisi, di rimboccarsi le maniche e ritornare a produrre fatturati di qualità.

“Dalle crisi nascono opportunità nuove, è tempo di unire le competenze 4.0”: Grazioli apre con queste parole la convention a Bologna, la prima di un road show in giro per l’Italia dove si raccontano molte realtà che della digitalizzazione ne hanno fatto business e valore aggiunto nei rispettivi settori: Cost killing, soluzioni di energy Saving,sicurezza nei luoghi di lavoro, vantaggi fiscali di Ricerca & Sviluppo e real estate 4.0.

Un bouquet di aziende interessanti : Pages italia, Enersolve, feed, ener-G, Msg Consulting, Dlgs 81&Partners, FinQuattro, Alzarating e Dmore, accomunate dalla voglia di raccontarsi in modo nuovo, esperienziale, mettendo in comune sul mercato un interlocutore unico: è il cross selling, l’attività che nel farsi sintesi commerciale è in grado di offrire un servizio, una visione, una consulenza a 360′ perché si fa forte di un’appartenenza comune sotto un unico cappello e di una serie di competenze specifiche e certificate dal gruppo. Il cross selling o se più vi aggrada, possiamo parlare di coopetition, un neologismo che nasce dalla consapevolezza nuova di dover competere, condividendo informazioni, valori aggiunti e portafogli clienti. È il tempo 4.0.

Sebastiano Grazioli ha davvero presentato con industriafuturo

4.0 il frutto di un lavoro di ricerca tra eccellenze industriali e start up che adesso sono pronte per andare, anche insieme, sul mercato, centralizzando l’area commerciale. Nascono figure nuove di “consulenti tecnici” supportati da sempre più diffusi strumenti digitali, perché è proprio vero che “il 65% dei bambini di oggi faranno lavori che non sono stati ancora inventati” (Alexis Ringwald ceo Learn up)

Nel modo di presentarsi di ciascuna realtà presente nel sodalizio è emersa la concretezza di descrivere con grande attenzione il plus, il vantaggio competitivo che si porta al mercato. Il dato comune a tutti è il guardare all’innovazione oltre lo slogan. Si realizza un taglio di costi e di tempi straordinario.
E così Pages Italia, ad esempio, nelle parole del suo ceo Paolo Giannerini offre percorsi che portano a un cost killing notevolissimo o a un approccio valoriale più originale presentando il design for excellence .La regola generale dunque è tagliare i costi e distinguersi consapevolmente digitalizzando processi industriali interni. L’approccio è interessante con il modello success fee.
Ad esempio Dlgs81&partners riesce a tagliare fino al 50% il costo della sicurezza del lavoro, “obbligatoria per legge a difesa della vita ma anche per un’effettiva tutela della più importante risorsa per un’azienda che è il proprio personale” . Innovativo è il software Andromeda 4.0 che digitalizza l’intero processo.
Così come gli altri imprenditori, ciascuno per il suo comparto, hanno enfatizzato il taglio del costo e il maggiore efficientamento dell’azienda: per il risparmio energetico (Enersolve, partner multinazionale dal capitale italiano)per la cogenerazione a gas (ener-G di appartenenza ad un fondo inglese) e per L efficientamento con tecnologia a led. (Feed) .FinQuattro ( studio di commercialisti) ed Alzarating (newco)affrontano il delicato tema dei vantaggi fiscali del 4.0; offrendo un originalissimo osservatorio di analisi con vantaggi importantissimi per il settore di ricerca e sviluppo.Infine D More , numeri alla mano, ha presentato opportunità straordinarie che la digitalizzazione offre a sempre nuove fasce di mercato di investitori nel mattone, grazie all’utilizzo di una piattaforma in grado di utilizzare i Big data per intercettare e poi commercializzare i beni distressed presenti sul mercato. Il convegno “cambiare per vincere” ha aperto due strade : l’aiuto concreto alle aziende per essere traghettate nel futuro attraverso un unico interlocutore,e l’evidente vantaggio di una nuova professione, il consulente 4.0 a tutto tondo.

Un nome, una mission chiara

Si scrive “dlgs81 srl” si legge “società 4.0” che taglia il costo della sicurezza sul lavoro e assicura un monitoraggio continuo a favore di imprese lavoratori e responsabili sicurezza aziendale.
“Si chiama digitalizzazione ragazzi, l’economia 4.0 che tutti citano ma che adesso vediamo concretamente applicata”: lo spiega così, con una battuta piena di energia il suo ideatore e amministratore Massimo Abba un uomo che andava in cerca di stimoli e che li ha trovati nel fare innovazione.


Come lui stesso ha spiegato alla convention nazionale a Bologna dove centinaia di invitati hanno raccolto un intelligente doppio appello. Da un lato presentare Andromeda la piattaforma tecnologica che da sola spiega all’operatore cosa chiedere all’azienda, come compilare quali documenti e finanche stamparne quelli che mancano. In altri termini le esigenze di tenere in ordine procedure controlli e documenti sulla sicurezza oggi grazie alla digitalizzazione di dlgs81 conviene. Costa meno, molto meno dei sistemi tradizionali che oltre al costo, scontano pure un mancato aggiornamento “automatico”. Andromeda mette in ordine la documentazione, la verifica dando dei dischi verdi e segnalando con il tradizionale alert del semaforo rosso, quanto non va. E richiede di essere aggiornato. Il costo si abbatte e l’efficienza del sistema sale. Sono stati presentati casi in cui il risparmio medio del 20% raggiungeva punte di poco oltre il 50%.
Un mercato servito di 29.000 per un mercato che in Italia vale 9 miliardi.
E non finisce qui. Dicevamo un doppio appello. A formarsi, presentando Andromeda. A crescere insieme completando la squadra di consulenti e l’impegno alla formazione continua con un ente bilaterale dedicato.


Nasce così la “Confederazione nazionale per la formazione e sicurezza nei luoghi di lavoro”, CNF, tenuta a battesimo tra gli applausi dei delegati al termine degli interventi di alcuni prestigiosi membri del comitato tecnico scientifico. Il magistrato in pensione Benito Melchionna giudice emerito più volte procuratore della Repubblica e il professore Danilo Verga già docente ed esperto consulente aziendale internazionale.