• +39 339 8772770
  • info@massimolucidi.it

Archivio dei tag industria futuro 4.0

“Cinema e nuovi media: i luoghi di racconto dell’Eccellenza”

Grande successo di critica e di pubblico ieri mattina (mercoledì 5 settembre, ndr) presso l’Italian Pavilion Sala Tropicana Conferenze dell’Hotel Excelsior al Lido di Venezia, per l’incontro, promosso da Massimo Lucidi, denominato “Cinema e nuovi media: i luoghi di racconto dell’Eccellenza”.

Molti sono stati gli ospiti che hanno partecipato alla mattinata, tra i quali Andrea Colla, Presidente di Coldiretti Venezia, Emilio De Luca, il sarto e napoletano dei VIP, Sebastiano Grazioli, fondatore dell’incubatore bresciano Industria Futuro 4.0, e Domenico Vacca.

 Durante l’incontro è stato ricordato anche come il Premio Eccellenza Italiana, ideato dallo stesso Lucidi e quest’anno giunto alla sua 5^ edizione, sia di per sé un evento culturale che valorizza le eccellenze italiane in una terra che è stata resa grande grazie soprattutto all’emigrazione italiana, gli Stati Uniti d’America. È il prossimo ottobre, dunque, che nella settimana dedicata al Columbus Day, il navigatore italiano scopritore del “nuovo mondo”, si svolgerà la 5^ edizione del Premio, sempre a Washington DC, nel rinomato Café Milano.

L’innovativa eccellenza bresciana Industria Futuro 4.0, si è guadagnata lo spazio sul palco dell’Excelsior, per raccontare la Brescia che cambia, che mantiene la stessa laboriosità di sempre, tuttavia aprendo nuove vie. «È un nuovo modello di fare impresa – afferma Grazioli – affiancando le imprese stesse e portandole verso l’internazionalizzazione, anche attraverso nuovi canali di investimento».

# industriafuturo4.0 @ Bologna, Italia di Massimo Lucidi. VIDEO

Un manifesto, un’associazione, un centro studi, una rete di impresa, un cross selling di eccellenze.
Nato da un evento che nel titolo riassume tutto: industriafuturo4.0
Merito dei suo ideatori , e della squadra che attorno a questa parola evocativa e piena di speranza si sta formando. Futuro.

Ai nastri di partenza, a Bologna, l’esperienza di Industria Futuro 4.0, su invito di un manager carismatico del calibro di Sebastiano Grazioli, è già vincente. Si dà concretezza all’espressione industriafuturo4.0 e si evoca un futuro di benessere e di efficienza, rapportandosi a modelli di business compiuti. Il collante, che ha visto una folta partecipazione di aziende di qualità già alla sua prima uscita, è la voglia di raccontarsi oltre gli slogan. È il momento della laboriosità che si fa concretezza, della trasparenza e della condivisione, dell’efficienza e del rispetto formale che si fa etico e profondo. È tempo di uscire dalla crisi, di rimboccarsi le maniche e ritornare a produrre fatturati di qualità.

“Dalle crisi nascono opportunità nuove, è tempo di unire le competenze 4.0”: Grazioli apre con queste parole la convention a Bologna, la prima di un road show in giro per l’Italia dove si raccontano molte realtà che della digitalizzazione ne hanno fatto business e valore aggiunto nei rispettivi settori: Cost killing, soluzioni di energy Saving,sicurezza nei luoghi di lavoro, vantaggi fiscali di Ricerca & Sviluppo e real estate 4.0.

Un bouquet di aziende interessanti : Pages italia, Enersolve, feed, ener-G, Msg Consulting, Dlgs 81&Partners, FinQuattro, Alzarating e Dmore, accomunate dalla voglia di raccontarsi in modo nuovo, esperienziale, mettendo in comune sul mercato un interlocutore unico: è il cross selling, l’attività che nel farsi sintesi commerciale è in grado di offrire un servizio, una visione, una consulenza a 360′ perché si fa forte di un’appartenenza comune sotto un unico cappello e di una serie di competenze specifiche e certificate dal gruppo. Il cross selling o se più vi aggrada, possiamo parlare di coopetition, un neologismo che nasce dalla consapevolezza nuova di dover competere, condividendo informazioni, valori aggiunti e portafogli clienti. È il tempo 4.0.

Sebastiano Grazioli ha davvero presentato con industriafuturo

4.0 il frutto di un lavoro di ricerca tra eccellenze industriali e start up che adesso sono pronte per andare, anche insieme, sul mercato, centralizzando l’area commerciale. Nascono figure nuove di “consulenti tecnici” supportati da sempre più diffusi strumenti digitali, perché è proprio vero che “il 65% dei bambini di oggi faranno lavori che non sono stati ancora inventati” (Alexis Ringwald ceo Learn up)

Nel modo di presentarsi di ciascuna realtà presente nel sodalizio è emersa la concretezza di descrivere con grande attenzione il plus, il vantaggio competitivo che si porta al mercato. Il dato comune a tutti è il guardare all’innovazione oltre lo slogan. Si realizza un taglio di costi e di tempi straordinario.
E così Pages Italia, ad esempio, nelle parole del suo ceo Paolo Giannerini offre percorsi che portano a un cost killing notevolissimo o a un approccio valoriale più originale presentando il design for excellence .La regola generale dunque è tagliare i costi e distinguersi consapevolmente digitalizzando processi industriali interni. L’approccio è interessante con il modello success fee.
Ad esempio Dlgs81&partners riesce a tagliare fino al 50% il costo della sicurezza del lavoro, “obbligatoria per legge a difesa della vita ma anche per un’effettiva tutela della più importante risorsa per un’azienda che è il proprio personale” . Innovativo è il software Andromeda 4.0 che digitalizza l’intero processo.
Così come gli altri imprenditori, ciascuno per il suo comparto, hanno enfatizzato il taglio del costo e il maggiore efficientamento dell’azienda: per il risparmio energetico (Enersolve, partner multinazionale dal capitale italiano)per la cogenerazione a gas (ener-G di appartenenza ad un fondo inglese) e per L efficientamento con tecnologia a led. (Feed) .FinQuattro ( studio di commercialisti) ed Alzarating (newco)affrontano il delicato tema dei vantaggi fiscali del 4.0; offrendo un originalissimo osservatorio di analisi con vantaggi importantissimi per il settore di ricerca e sviluppo.Infine D More , numeri alla mano, ha presentato opportunità straordinarie che la digitalizzazione offre a sempre nuove fasce di mercato di investitori nel mattone, grazie all’utilizzo di una piattaforma in grado di utilizzare i Big data per intercettare e poi commercializzare i beni distressed presenti sul mercato. Il convegno “cambiare per vincere” ha aperto due strade : l’aiuto concreto alle aziende per essere traghettate nel futuro attraverso un unico interlocutore,e l’evidente vantaggio di una nuova professione, il consulente 4.0 a tutto tondo.