• +39 339 8772770
  • info@massimolucidi.it

TRUMP IN GUERRA CON LA VESPA

TRUMP IN GUERRA CON LA VESPA

Le prime pagine dei quotidiani di oggi fanno emergere una realtà completamente dissonante nel mondo dell’informazione italiana rispetto a quelle che sono le vere priorità che avremmo dovuto riscontrare sulla stampa nazionale.

La priorità si chiama terrorismo: sono stati trovati nel centro di Venezia ed arrestati tre giovani intenti a produrre un attentato. E quanti altri gruppi di potenziali terroristi sono nascosti nei nostri fragili centri storici?

Vogliamo alzare il livello di soglia da parte della popolazione che deve incominciare a studiare i sospetti del pianerottolo?

Cari amici vicini e lontani di casa, vogliamo aprire gli occhi?

No signori! “Noi preferiamo parlare” di Trump in termini macchiettistici che è partito alla guerra della vespa.

Ebbene sì perché il Wall Street Journal, lo stesso grande quotidiano schieratissimo per Hillary Clinton, ieri ci ha messo a conoscenza che Trump ha delle nuove misure protezionistiche.

Ed allora ecco che la notizia del giorno diventa Trump intento a fare la Guerra della Vespa, con ovviamente forti ripercussioni negative sul nostro Made in Italy.

Lanciamo la bomba; eccolo il terrorismo che fa paura, che uccide le imprese.

Facciamo ancora un po’ di razzie d’impresa, distraendo  i nostri imprenditori dai problemi veri quali l’Euro due.

Quello sì che toglierà i soldi in tasca alle imprese intente a rimanere in Italia, meglio andare a produrre in Germania.

Ma questo non lo diciamo; meglio continuare ad attaccare Trump e le sue frasi ad effetto.

Questi atteggiamenti politicamente scorretti sono anche accompagnati da una serie di silenzi, perché Trump non ha ancora parlato di mettere dei dazi; anche perché chi mette dei dazi finisce con il pagare dei prezzi più alti, ma, questa è un’altra storia.

 

 

Massimo Lucidi

Giornalista, cattolico, meridionale. Cittadino del mondo con studi e passione per consulenze di marketing e comunicazione ed eventi. E’ un nuovo lavoro…si chiama… Emotional Designer